Una delle caratteristiche del contratto per differenze è la durata e il rinnovo giornaliero e, quindi, l'assenza di una futura scadenza o data di esecuzione, nonché la liquidazione fisica giornaliera delle differenze tra il prezzo delle azioni al momento della contrattazione e la chiusura del mercato nello stesso giorno e, successivamente, fino a quando il cliente o l'istituto di credito non decide di chiudere la posizione aperta, tra il prezzo di chiusura di ogni giorno e quello del giorno precedente.


Questi regolamenti giornalieri danno luogo al corrispondente accredito o addebito di contante sul conto del Cliente, e pertanto, in considerazione di tali caratteristiche, si deve considerare che un'alterazione patrimoniale si è verificata in ogni regolamento giornaliero. Pertanto, il Cliente deve attribuire ad ogni periodo d'imposta gli utili e le perdite generate dal contratto durante tale periodo, indipendentemente dal fatto che, al termine del contratto, la posizione contrattuale sia stata chiusa o sia rimasta aperta.

"La presente relazione contiene informazioni sul trattamento fiscale dei CFD, tenendo conto esclusivamente della normativa fiscale e dei criteri stabiliti dalla Direzione Generale delle Imposte che, alla data della presente relazione, sono in vigore. La lettura e l'utilizzo del Rapporto deve quindi essere fatta tenendo presente lo scopo puramente informativo del Rapporto".